MENU

mercoledì 8 marzo 2017

Torta Mimosa


Un dolce colorato con la speranza che la primavera entri nelle vostre case portando i primi raggi del timido sole.Un dolce simbolico per questo giorno, il giorno della festa delle donne, anche se di festa non si dovrebbe parlare.Il giorno in se per me è importante in quanto si parla molto, cercando di sensibilizzare, della violenza sulle donne, del rapporto della società nei confronti di noi Donne,mamme,amiche,mogli,sorelle....
Un giorno apposta ci vuole per festeggiare la donna?direi che ogni giorno è una buona occasione per festeggiare le meravigliose creature che siamo noi, le donne.
Le creature che non si tirano indietro dinanzi le difficoltà, che tirano su la familia,i figli,che hanno sempre una parola di conforto per il prossimo, che riescono sempre ad essere di tutto e di più contemporaneamente.
Una volta qualcuno diceva che le donne siamo magiche, un misto di meraviglia e fantascienza con un pizzico appunto di magia.
Ecco il mio "regalo" alle mie amiche Donne,un dolce colorato e bello come il nostro animo.

Per i Pan di Spagna:

  • 300 gr di farina 00
  • 300 gr di zucchero (semolato)
  • uova (intere)
  • 50 gr di fecola di patate
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 bustina di vanillina

Per la Crema Pasticcera:

  • 8 tuorli d'uovo
  • 200 gr di zucchero (semolato)
  • 600 ml di latte (intero, fresco)
  • 70 gr di maizena
  • baccello di vaniglia
  • 200 ml di panna per dolci

Per la Bagna:

  • 100 ml di acqua
  • 50 gr di zucchero (semolato)
  • 50 ml di liquore Strega



  1. Per preparare la torta mimosa Bimby dobbiamo preparare innanzitutto il pan di spagna, per dargli anche il tempo di raffreddarsi. Riunite nel boccale del Bimby lo zucchero e le uova e montateli per 6-8 min a vel. 4-5.
  2. Aggiungete la farina, la vanillina e il lievito ed incorporate il tutto lavorando 3 min. a vel. 4.
  3. Versate poi l'impasto suddividendolo in due stampi da 22 cm di diametro imburrati o rivestiti con della carta forno ed infornate in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.
    Ora passate a preparare la crema pasticcera che ci servirà per farcire la nostra torta mimosa Bimby. Riunite nel boccale del Bimby pulito e asciutto lo zucchero e i tuorli e lavorate 5 min. a vel. 4-5.
    Aggiungete il latte a filo dal foro del coperchio, che avrete precedentemente riscaldato e lasciato in infusione con un baccello di vaniglia inciso, compresi i suoi semi, lavorando a vel. 2.
    Quando lo avrete versato completamente lavorate ancora 2 min. a vel. 3.
    Unite la maizena e lavorate ancora 2 min. a vel. 3.
    A questo punto cuocete la crema 6 min a 80° a vel. 4.
    Versate la crema pronta in un contenitore di ceramica, coprite con la pellicola per alimenti a contatto e lasciatela raffreddare completamente, se vi riesce passatela anche in frigorifero una mezz'oretta.
    Quando la crema è fredda montate la farfalla e versate la panna nel boccale del Bimby (tenete boccale e farfalla in frigorifero per una mezz'oretta, per montare meglio la panna) e montate la panna 2 min. a vel. 3.
    Aggiungete 2/3 della panna alla crema pasticcera mescolandola con una spatola, e tenete da parte la restante.
    Preparate la bagna mettendo zucchero e acqua in un pentolino, fate sciogliere lo zucchero ed aggiungete il liquore Strega.
    Ora passate alla farcitura della torta mimosa Bimby. Riprendete i pan di spagna e tagliate la parte scura tutt'intorno e in superficie. Tagliate poi i pan di spagna in tre dischi, tenetene uno da parte e tagliate l'altro ancora a striscioline e a cubetti.
    Mettete il primo disco di pan di spagna in un piatto da portata, sistemate un disco regolabile (o la cerniera dello stampo), bagnate il disco, spalmatevi metà della panna ed un po' di crema. Coprite con l'altro disco di pan di spagna, bagnatelo e procedete come prima. Infine coprite con l'ultimo disco di pasta.
    Mettete il dolce nel frigo a riposare per un oretta.
    Riprendete la torta dal frigorifero spalmate tutt'intorno il resto della crema e fatevi aderire il pan di spagna sbriciolato.
    Decorate con fiori e farfalle di pdz.

mercoledì 1 febbraio 2017

Pancake con farina di quinoa

Sono poche le persone nella mia vita che ammiro veramente e una di queste era il professore Veronesi che diceva che bisogna stare attenti, per avere una salute di ferro,ai  4 veleni bianchi, come li chiamava lui:

  1. Il sale
  2. La farina bianca
  3. Il latte(siamo l'unica specie che ci nutriamo del latte di un'altra specie)
  4. Lo zucchero
Bisogna provare per un tot di tempo per vedere dei benefici sul nostro corpo, benefici che una volta provati si va avanti con una alimentazione più sana.Se c'è anche del movimento fisico le premesse per una vita sana ci sono eccome.
Ecco il perché,se decidete di eliminare tutto quello elencato sopra, vi propongo una ricetta per la colazione...io questi pancake li preparo la domenica e mi bastano per 3 colazioni.Ma andiamo per ordine:



  • 2 tuorli di uova bio
  • mezzo cucchiaino di dolcificante a base di Stevia
  • 10 cucchiai di farina di quinoa
  • 300 ml di acqua fresca(anche frizzante)
  1. Sbattete in una casseruola i tuorli con la stevia aggiungete l'acqua e poi la farina a pioggia mescolando bene.Dovreste ottenere una pastella non troppo liquida.
  2. Riscaldate una padella sul fuoco e quando è ben calda versate a cucchiaiate il composto dando la forma rotonda.Quando nella superficie si formano le bollicine girate il pancake e cuocete dall'altro lato.Con l'intero composto dovrebbero risultare circa 7-8 pancake piccole.
  3. Servite con la frutta fresca e caffè di cicoria.


mercoledì 28 dicembre 2016

Eton mess

È passato un'altro anno, tempo di tirar le somme, fare i conti, augurarsi il meglio per quello che verrà e salutare il vecchio anno con nostalgia e con certi cari ricordi nel cuore.Anche se questo spazio è sempre nel mio cuore, purtroppo per mancanza di tempo si pubblica sempre meno,ma una cosa è certa:non potevo lasciare che passasse il 2016 senza una ricettina di fine anno, una specie di augurio per il nuovo, con la speranza di essere più presente nella mia cucina virtuale.
Per questa ricetta potete giocare di furbizia, preparate le meringhe e metteteli in una busta nel freezer.
Al'occorenza,quando avete voglia di coccolarvi, uscite fuori tre-quattro meringhe e il dolce confort è pronto in un batter d'occhio.
La ricetta è di Nigella Lawson,se non avete le fragole va bene anche l'ananas,more,banane,lamponi,more,mirtilli e cosi via.


  • fragole 500g
  • 2 cucchiaini di zucchero semolato o vanigliato
  • 2 cucchiaini di succo di melagrana
  • 500 ml panna da montare
  • 4 nidi meringa (anche confezionate)
  1. Pulire e tagliare le fragole e sistemarle in una ciotola. Aggiungere lo zucchero e il succo di melograno e lasciare macerare.
  2. Montare la panna in una ciotola capiente finché diventa densa, ma ancora soffice.
  3. Sbriciolare grossolanamente i 4 nidi di meringa – avrete bisogno di pezzetti per la consistenza, così come un po ‘di polvere fine.
  4. Mettere da parte un mestolo, o circa 100g, delle fragole tagliate, e unire la panna alla meringa ed al resto della frutta.
  5. Disponete su quattro piatti o bicchieri, o in una montagnola, e cospargere la superficie con qualcuna delle restanti fragole macerate e il loro succo.
Detto questo vi auguro un 2017 pieno di salute,desideri che si esaudiscono, di amore vero, di amici sinceri e di tantissima fortuna.Un caro saluto e buon fine e inizio anno!!!!!!

giovedì 1 dicembre 2016

Biscotti natalizi di frolla con lo sparabiscotti


L'abbiamo tutte lo sparabiscotti,dimenticato nel cassetto nel attesa di essere utilizzato ...ci vuole cosi poco, apri il cassetto lo vedi li, nel  fondo, solo soletto e ti scatta la scintilla:devo fare i biscotti, complice il tempo uggioso che invoglia accendere il forno...se poi hanno un'aspetto natalizio bastano davvero poche cose,tipo nastrini e palline argentate e i pensierini di Natale sono pronti....ovviamente potete sbizzarrivi nella moltitudine di formine che lo sparabiscotti ha in dotazione...io li faccio ogni anno,mi piace moltissimo regalare cose home made,fatte con il cuore...
Ricetta,ovviamente burrosa, i biscotti con la frolla senza il burro non sanno di niente...ma nel mio aiuto arriva un burro che io uso moltissimo nella mia cucina ed è quello di Parmareggio....



  • 170 grammi burro, morbido
  • 85 grammi zucchero, a velo
  • 270 grammi farina, 00
  • 1 uovo 
  • 1 bustina Vanilina  
  • 1 pizzico di sale
  • la buccia grattugiata di un  limone
  • perline di argento alimentari
  • zucchero a velo q.b.



    1. Mettete nel mixer la farina, aggiungete l'uovo sbattuto, il burro morbido a tocchetti, la vanillina,il sale e la buccia del limone e lavorate per 3-4 minuti. Togliete e  lasciate riposare 10 minuti.
    2. Accendete il forno statico a 180°.
    3. Tapettate con la carta da forno la teglia del forno, quella bassa, prendete pezzettini del impasto, mettetelo nello sparabiscotti e formate i biscotti sulla teglia, nella forma che preferite.Infornate per 10-15 minuti.Devono restare bianchi, non devono "abbronzarsi"...:D

    lunedì 3 ottobre 2016

    Coulis di melagrana con chicca fumè


    Si sa,con i tempi che corrono una scelta di vita più sana diventa molto importante.L'incremento delle persone che soffrono di  intolleranze alimentari è in crescita e questo comporta automaticamente un cambio radicale nell'alimentazione dei soggetti con accurata attenzione nella scelta degli ingredienti.
    Oramai,quando si va nel supermercato,la scritta Biologico sulle confezioni dei vari prodotti regna,magari scritta in grassetto,per attirare l'attenzione.Bisogna prestare attenzione,prima dell'acquisto all'etichetta sul retro,esattamente quella dove gli ingredienti sono scritti piccini,piccini che manco con gli occhiali da vista si riescono a leggere per benino.
    Si sa,una filiera di prodotti biologici e naturali comincia dagli inizi.Inoltre,un prodotto naturale,senza conservanti va consumato,una volta aperta la confezione,nel corso di 2 giorni al massimo.Ecco perché vari prodotti pieni di conservanti,coloranti e così via si mantengono a lungo una volta aperte le confezioni nel frigorifero.
    La mia ricerca per i prodotti sani non finisce mai.L'altro giorno ho avuto modo di provare una linea molto insolita di prodotti per le persone intolleranti al lattosio,soia e glutine.
    La scritta NO OGM è stata una delle più belle scoperte di questi prodotti che vanno fabbricati dall'azienda Verys,che sono riusciti a produrre,a mio avviso,dei ottimi prodotti vegani grado di soddisfare anche i gusti più difficili,come il mio :D
    Il formaggio vegetale impiegato per questa preparazione è il Chicca fumè,che loro consigliano nel abbinamento ai primi piatti e come contorno.
    Ma quando l'altra sera mio marito ha portato accasa un paniere pieno di melegrane biologiche dal nostro giardino ho pensato subito ad un matrimonio con il formaggio in questione.
    Un abbinamento insolito,direte,ma che invece è risultato piacevole per il palato.Va benissimo anche servito a fine dei pasti,vi garantisco che vi piacerà di sicuro,visto che il maritozzo ha approvato a pieni voti l'insieme.
    Vi lascio la ricetta ricordandovi che potete trovare i prodotti Verys nei migliori supermercati e ipermercati nel banco frigo.


    • 250 ml di succo di melagrana spremuto fresco
    • 60 g di zucchero di canna
    • 20 ml di succo di limone biologico
    • chicca fumè Verys
    In un pentolino che può andare sul fuoco aggiungete tutti gli ingredienti.Cuocete per 5 minuti mescolando spesso a fuoco basso.
    Fate raffreddare,versate nei bicchieri e servite con il formaggio vegetale.




    giovedì 29 settembre 2016

    Quanto tempo

    immagine dal web

    Esattamente 4 lunghissimi mesi lontana dal mio blog....ho avuto un'estate così piena di impegni lavorativi che mi sono persino dimenticata di rinnovare il dominio,e di conseguenza l'ho perso...ma per fortuna,un po' di tempo prima avevo fatto un backup del blog e,a parte qualche post,sono riuscita a recuperare quasi tutto.
    Ho deciso,visto che sono ritornata a blogger di cambiare,visto la novità,anche il nome del blog in BioLogico,gioco di parole voluto per annunciare,per così dire,che tutti i miei post saranno legati al mangiare sano,biologico e non solo,ci saranno anche articoli di everyday con novità sulle ultime tendenze culinarie e non.
    Spero che vorrete essere con me anche in questa nuova avventura,partirò da zero ma chi mi conosce bene lo sa che io non ho paura delle novità,anzi lo vedo come una nuova pelle,se mi permettete la metafora.
    Ci sono tanti work in progress,a presto con i post (Y)


    mercoledì 18 giugno 2014

    Fiori bio di farina di canapa con salmone flambè e scaglie di mandorle

    piatto di ceramica interamente dipinto a mano dal maestro Alfredo Corinaldesi

    Conosciamo tutti l'importanza degli omega 3 nella nostra alimentazione.Ci sono tanti prodotti e alimenti che li contengono.Tra questi,uno dei più ricchi di omega 3 è il salmone.
    Pesce tipico dei mari del nord,il salmone viene largamente utilizzato anche nelle ricette mediterranee.Inoltre,è un pesce che si presta molto bene anche nelle diete,come ottimo sostituto della carne,in abbinamento con le verdure.
    Ottimo saltato sul fuoco,con la pasta di farina di canapa bio Emuna ricchissima di proteine e poverissima di grassi.



    (per 2 persone)


    • 200 g di pasta di farina di canapa bio Emuna
    • un trancio di salmone fresco(circa 300 gr)
    • olio evo 
    • una piccola cipolla
    • una noce di burro
    • 50 gr di brandy,vermouth oppure vodka(per il flambè)
    • scaglie di mandorle
    • sale e pepe qb



    -In una pentola fate cucinare la pasta nell'acqua bollente salata(bastano 8 minuti).
    -Mentre la pasta si cucina in una padella versate l'olio di oliva,aggiungete il burro e il salmone tagliato a cubetti e fate rosolare per 5 minuti.Alzate la fiamma,fate riscaldare bene la padella facendo attenzione a non bruciare il pesce e versate l'alcool per flambè.Abbassate la fiamma,scolate la pasta e versatela nella padella amalgamando il tutto.Aggiustate di sale e pepe e servite con le scaglie di mandorle di sopra.